cxxcsd
Top
Image Alt

Cosa fare in Sicilia

  /  Arte   /  La Donna nelle cartoline del Primo Novecento

La Donna nelle cartoline del Primo Novecento

La Donna nelle cartoline del Primo Novecento una mostra con le donne e per le donne. Inaugurazione 8 marzo 2022.

La mostra per la giornata internazionale della donna

Martedì 8 marzo alle ore 11, in occasione della Festa della Donna si inaugura, presso l’Archivio storico comunale di via Maqueda 157, la mostra “La Donna nelle cartoline del Primo Novecento”.

Un occasione storica per ammirare dei piccoli capolavori ormai diventati vintage.

Una mostra imperdibile per il valore storico, culturale e artistico, alcune delle cartoline in mostra sono delle rarità di fattura davvero eccezionale.

Le illustrazioni della mostra La donna nelle cartoline del primo novecento

Sono ben oltre 300 cartoline in mostra – si legge in una nota a cura di Eliana Calandra direttrice dell’Archivio storico comunale – che delineano la figura femminile colta agli albori di un nuovo secolo, il Novecento, che avrebbe per sempre rivoluzionato i rapporti di genere e restituito alle donne diritti e dignità.

Ma ancora, in queste immagini, tratte da bozzetti disegnati tra l’inizio del ‘900 e lo scoppio della prima guerra mondiale, in piena belle èpoque, la donna è attorniata da fregi, fiori e decorazioni liberty, di lei si esaltano bellezza, vanità, fascino ed eleganza.

E’ una donna alla moda, che sfoggia estrosi cappellini (ben documentati da una apposita serie) accurate acconciature e abiti che ne esaltano la figura sinuosa.

Per meglio rappresentare questo tipo di donna, gli editori usarono oltre la carta e i colori nella stampa delle cartoline anche varie applicazioni, come paillettes, piume e capelli veri.

I curatori della mostra e le istituzioni

I curatori della mostra e le istituzioni saranno rappresentati all’inaugurazione  dall’assessore alla Culture, Mario Zito e della direttrice dell’Archivio storico comunale, Eliana Calandra, inoltre sono previsti gli interventi e le valutazioni della storica dell’Arte Maria Antonietta Spadaro e del collezionista e curatore Giulio Perricone.