cxxcsd
Top
Image Alt

Cosa fare in Sicilia

  /  Cosa fare a Catania   /  La Fiat 1500 Torpedo in mostra in aeroporto

La Fiat 1500 Torpedo in mostra in aeroporto

La Fiat 1500 mitica modello Torpedo è in mostra a Catania all’aeroporto Fontanarossa. Ecco fino a quando poterla ammirare.

All’aeroporto di Catanai la Fiat 1500 Torpedo in mostra.

 All’interno dell’Aeroporto di Catania, in occasione del centesimo anniversario della Coppa Nissena, è stata esposta la “Barchetta Tornatore”, il prototipo costruito dal nisseno Michele Tornatore negli anni ’40, su base della Fiat 1500 modello Torpedo.

Proseguono quindi le iniziative per il Centenario della Coppa Nissena, la gara, round finale del Campionato Italiano velocità Montagna, che sarà momento conclusivo delle celebrazioni dal 16 al 18 settembre.

Le autorità presenti al taglio del nastro in aeroporto

Numerose sonos state le autorità presenti al taglio del nastro in aeroporto all’evento lunedì 8 agosto alle 11

Alla cerimonia di taglio infatti erano presenti la presidente e l’amministratore delegato della Sac, Giovanna Candura e Nico Torrisi, il presidente dell’Automobil Club Caltanissetta Carlo Alessi, con alcuni nipoti dello stesso Tornatore – Barbara, Michele, Marco e Marcello – nonché Rosario Alessi, già presidente dell’Aci nazionale

La mitica monoposto

 La storica biposto, Fiat 1500 modello Torpedo, sarà esposta nella Hall partenze fino al 19 settembre e che un tempo era in uso all’esercito italiano, è stata rielaborata nella carrozzeria e nel motore dal meccanico nisseno Michele Tornatore, per poter gareggiare nelle corse automobilistiche. 

La macchina ha esordito all’VIII Giro di Sicilia, dove ottenne anche un record di classe sul tratto Gela-Ragusa; negli anni ha partecipato più volte alla Coppa Nissena, la più antica corsa in salita d’Italia, alla Catania-Etna, alla Targa Florio e ad altre importantissime competizioni automobilistiche.

Curiosità sulla Fiat 1500 Torpedo

La costruzione e la preparazione dell’esclusiva biposto ha una storia articolata, il suo sviluppo è assolutamente artigianale, curato in proprio da Michele Tornatore in quella che sin dall’anteguerra era la sua officina meccanica di riparazione.

Iniziata alla fine del secondo conflitto mondiale, la Barchetta sviluppata sulla base di una Fiat 1500 modello Torpedo, fu pronta al debutto solo nel 1948.

Rielaborata nella carrozzeria e spinta da un motore portato a 1100 di cilindrata, la macchina esordì come detto solo con la partecipazione all’VIII Giro di Sicilia.