cxxcsd
Top
Image Alt

Cosa fare in Sicilia

  /  Cosa fare a Palermo   /  Sciroppo di carrube per la tosse, la ricetta

Sciroppo di carrube per la tosse, la ricetta

Sciroppo di carrube per la tosse, la ricetta tutta per voi.

Lo sciroppo di carrube

Autunno già alle porte ci ricorda che le temperature calde da “mare” ormai saranno presto un ricordo.

La sera avremmo presto bisogno di quella tiepida giacca che ci ristora, ma anche la gola e tutto l’apparato respiratorio si accorgerà presto che forse arrivano anche i primi raffreddori e la prima tosse.

Che fare quindi?

La soluzione è lo sciroppo di carrubbe per la tosse, un vero tonico per i polmoni, un vero toccasana derivato da una delle più famose ricette della nonna della Sicilia.

Le carrube proprietà

Le carrube, frutto dell’albero sempreverde del Carrubo, sono ricche di fibre, hanno proprietà dimagranteastringente e antiemorragica, e sono conosciute anche come sostituto del cioccolato per chi soffre di allergie al cacao.

Le carrube sono un alimento privo di glutine e quindi possono essere consumate da chi soffre di celiachia.

La farina ricavata dalla macinazione delle carrube è utile contro la diarrea grazie alla sua capacità di assorbire l’acqua, invece la carruba ha un’azione lassativa.

Fonte dal web

Gli ingredienti per lo sciroppo di carrube

  • 7 – 8 carrube
  • 1 litro di acqua minerale naturale
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di miele

Procedimento:

Lavare le carrube, poi spezzettarle e metterle in un pentolino insieme ad un litro  d’acqua.

Lasciarle bollire fino a quando il liquido si sarà ridotto a circa la metà.

Ora filtrare il liquido con un colino a maglie fitte, poi rimetterlo nella pentola, aggiungere lo zucchero di canna + il miele e continuare la cottura a fiamma bassa fino a quando si sarà ridotto ad un terzo.

Imbottigliare lo sciroppo ottenuto in una bottiglietta o in un vasetto ben sterilizzati.

Il consiglio


Lo sciroppo così preparato si conserva a lungo, in dispensa ma potete tenerlo in frigo e al momento del bisogno uscitelo e tenetelo qualche minuto a temperatura ambiente.

Si può assumere così com’è oppure diluito in poca acqua calda.