cxxcsd
Top
Image Alt

Cosa fare in Sicilia

  /  Cosa fare a Catania   /  31° Sagra delle ciliegie e delle rose

31° Sagra delle ciliegie e delle rose

La 31° Sagra delle Ciliegie e delle Rose di Macchia di Giarre, sarà fatta da Venerdì 1 luglio a Domenica 3 luglio 2022 in Piazza San Vito a Macchia di Giarre, frazione del comune di Giarre (CT), affonda le sue radici ben più in profondità.

Un po di Storia

Sin dalla prima metà del Settecento la contrada di Fondo Macchia era famosa per la coltivazione del ciliegio che per la fertilità del terreno vi si produceva in meravigliosi esemplari di grandezza eccezionale, tanto da dare anche fino a mille chili di frutto a pianta ( come descritto nel libro di Sebastiano Catalano “

Una comunità emergente nel settecento MACCHIA.

Nel bel mezzo di questa ubertosa zona sorgeva, eretta dalla pietà dei fedeli, una edicola votiva dedicata alla Madonna del Carmelo ed accanto ad essa vi era un rigoglioso cespuglio di rosa rampicante che a Maggio, come per incanto, infiorava la Cappelletta rendendola più bella all’ occhio dei popolani che vi si radunavano innanzi per la recita del rosario ed il canto di litanie e canzoncine.

E proprio nel punto dove sorgeva il suddetto altarino veniva organizzata ogni anno una festicciola campestre con la raccolta delle ciliegie che venivano consumate mentre la banda intonava le più note marce sinfoniche.

Se vi interessa tutta la storia sul sito ufficiale
http://www.sagradelleciliegieedellerose.it/

31°sagra delle ciliegie e delle rose di Macchia di Giarre

Per 3 giorni Piazza San Vito si colorerà magicamente di rosso: ciliegie e rose.

Gli amanti di questo frutto troveranno il luogo giusto per soddisfare i loro palati, senza parlare poi dei profumi e degli effluvi peccaminoso frutto che si rinnova e si trasforma, senza però perdere la sua bontà, in gelatine, conserve, marmellate, succhi, dolci e numerosi liquori fra cui il kirsch, il cherry, il maraschino e il ratafià.

Un ‘occasione per ripartire con le manifestazioni dopo le restrizioni legate alla pandemia del corona virus.