Macco di fave essiccate o fresche. (La ricetta)

Macco di fave essiccate o fresche. (La ricetta)

Macco di fave fresche o essiccate, non c’è storia, a maggio in Sicilia si mangiano le fave, e noi di Cosa fare in Sicilia vi proponiamo la ricetta più buona e gustosa della regione.

Macco di fave una specialità della cucina siciliana ma non solo …

Il Macco di fave è una specialità tipica della cucina siciliana della tarda primavera (si prepara tra i piatti tipici della festa di San Giuseppe) o anche autunnale per la versione preparata con le fave essiccate, ma anche altre regioni hanno la loro variante, tra le più note quella calabrese e pugliese.

Il macco di fave o ministra è uno degli antichi sapori di Sicilia, già nota ai tempi degli antichi romani; Aristofane la citava nei suoi scritti nel 450 a.C. si suppone, in realtà, che questo piatto abbia origini greche.

Si sa per certo che è un piatto della tradizione povera contadina.

Un primo piatto che viene servito come vellutata accompagnata a del pane croccante o come condimento per una pasta originale il macco è di facile realizzazione.

Le altre versioni regionali del macco di fave

La ricetta del macco di fave varia da regione a regione, la più semplice, quella tipica della cucina siciliana, si prepara con fave e finocchietto selvatico, cotti e frullati fino ad ottenere una vellutata cremosa e profumata.

In Calabria, il macco di fave è reso ancora più saporito con l’aggiunta del pomodoro mentre in Puglia il macco di fave è una sorta di zuppa, preparato con patate e cicoria.

La ricetta del macco di fave (essicate o fresche)

Ingredienti:

  • 500 GR. DI FAVE SECCHE DECORTICATE o FRESCHE ( 1 KG)
  • FINOCCHIETTO SELVATICO
  • 1 CIPOLLA (meglio siciliana tipo Giarratana )
  • SALE Q.B
  • OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

Preparazione:

Sciacquate le fave secche e mettetele in ammollo per una notte.

Se utilizzate le fave fresche, ve ne servirà circa 1 kg.

La mattina dopo scolate le fave e sciacquatele sotto l’acqua fresca.

Tagliate a fettine sottili la cipolla e mettetela in una pentola meglio una casseruola in coccio con olio caldo; fate imbiondire.

A questo punto aggiungete le fave e mescolate con un cucchiaio di legno in modo da amalgamare gli ingredienti.

Versate nella casseruola una quantità d’acqua sufficiente a coprire le fave e fate cuocere a fiamma media per circa 15 minuti.

Ottenuto un composto abbastanza denso e dovrete frullarlo; per farlo potete usare un mixer ad immersione.

Aggiungete una discreta quantità di finocchietto selvatico e frullare.

Prima di servire, salate e pepate a vostro piacimento e guarnite i piatti aggiungendo qualche foglia di finocchietto selvatico.

Suggerimento per la conservazione

Il macco, può esser congelato e conservato in freezer all’interno di contenitori dalla chiusura ermetica, o in appositi sacchetti di plastica per alimenti.

All’occorrenza, dovrete solo riscaldarlo in pentola.

Cosa fare in Sicilia a Maggio Cucina